Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Corso di Laurea Triennale in Scienze dei Servizi Giuridici

Presentazione del corso

Obiettivi

Il Corso di laurea in Scienze dei Servizi giuridici si propone di offrire una formazione finalizzata alla professionalizzazione dello studente, senza però rinunciare a sviluppare conoscenze d’insieme e capacità critiche. Ciò funzionalmente ad un duplice obiettivo: formare un giurista che, al termine del suo percorso triennale, sia capace di operare in modo professionale e qualificato nel mondo del lavoro e, al contempo, garantire una formazione che, per ampiezza e profondità delle conoscenze, consenta al laureato triennale che lo desideri di completare il proprio percorso accedendo agli ultimi anni del Corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza.

L’asse formativo è costituito da materie giuridiche, accanto alle quali trovano spazio insegnamenti di completamento di natura economica e la conoscenza delle lingue straniere.

Il percorso formativo contempla numerosi laboratori, tesi a sviluppare la comprensione della dimensione applicativa del diritto e la capacità operativa dello studente.

L’iscrizione al corso di laurea in Scienze dei Servizi Giuridici non comporta alcuna rinuncia preventiva agli sbocchi rappresentati dalle professioni tradizionali, in quanto resta possibile, sia durante il corso, sia al suo termine, il passaggio alla Laurea Magistrale in Giurisprudenza. Se il passaggio avviene dopo la laurea, lo studente viene iscritto al quarto anno della Laurea Magistrale in Giurisprudenza, con integrale riconoscimento dei 180 crediti formativi universitari conseguiti. Il laureato in Scienze dei Servizi giuridici può altresì accedere a corsi di laurea magistrali, anche non giuridici (Economia e Scienze politiche in primis), purché vengano colmati gli eventuali debiti formativi previsti dai rispettivi ordinamenti.

Il corso di laurea è adatto anche a soddisfare le esigenze di qualificazione professionale di chi sia già inserito nel mondo del lavoro. 

Opportunità professionali

Il corso offre una preparazione specialistica, che varia a seconda del curriculum che viene scelto, volta a formare i profili professionali di:

• Consulente del lavoro e delle relazioni industriali: offre una preparazione giuridica che consente di acquisire le competenze necessarie a operare nell’ambito della gestione delle risorse umane, delle relazioni sindacali e della consulenza alle imprese, con riferimento a tutti gli aspetti relativi al rapporto di lavoro ed alla sicurezza sociale. Abilita a sostenere, dopo lo svolgimento di diciotto mesi di praticantato (sei dei quali possono essere anticipati durante il terzo anno di corso, grazie a una convenzione tra l’Ateneo e la Consulta toscana dei consulenti del lavoro), l’esame per l’iscrizione all’ Albo professionale dei consulenti del lavoro (l. 6 aprile 2007, n. 46);

• Giurista di amministrazioni pubbliche: offre una preparazione focalizzata sulla disciplina delle pubbliche amministrazioni e tesa a fornire gli strumenti per affrontare prove concorsuali e selettive che consentano l’accesso nel settore pubblico, nelle sue diverse articolazioni (amministrazioni statali, regionali, locali, enti e società pubbliche, fondazioni etc), nonché per accedere a impieghi presso imprese che si rapportano a pubbliche amministrazioni;

• Giurista d’impresa: offre una preparazione volta ad accedere alle professioni di impiegato, quadro e dirigente di imprese commerciali, industriali, bancarie e assicurative, in particolare nell’ambito dei rispettivi uffici legali in-house, di collaboratore in studi professionali operanti nel campo dei servizi legali e consulenza alle imprese (studio di avvocato, notaio, commercialista), agente di assicurazione, promotore finanziario, consulente alle imprese;

• Giurista del terzo settore: offre una preparazione tesa a consentire di operare nel settore del c.d. non-profit, delle ONLUS, delle organizzazioni non governative, dell’associazionismo, dell’assistenza sociale, dell’inserimento e reinserimento di soggetti svantaggiati e della gestione delle relative organizzazioni, mediante una generale preparazione di contesto (anche sociologica) e una specifica preparazione giuridica nelle materie rilevanti per il terzo settore. 

Requisiti di accesso

Sono ammessi al Corso di Laurea in Scienze dei Servizi giuridici gli studenti in possesso di diploma di Scuola secondaria superiore, o in possesso di altro titolo di studio conseguito all’estero e ritenuto idoneo in base alla normativa vigente.

Non sono previste prove dirette che selezionino preliminarmente l’accesso al Corso di Laurea, ma si è tenuti a sostenere la “Prova di verifica delle conoscenze di ingresso” al fine di fornire uno strumento di autovalutazione in ordine alla scelta del suddetto corso di laurea, in particolare quanto al possesso delle caratteristiche attitudinali e delle conoscenze minime necessarie.

A questo fine il test deve essere sostenuto prima dell’iscrizione al Corso di Laurea. L’esito della prova non pregiudica l’iscrizione; in caso di esito negativo lo studente sarà però tenuto a partecipare ad alcune attività di supporto organizzate dalla scuola e dirette a consentire l'acquisizione delle conoscenze mancanti. 

Articolazione del corso di laurea

Il corso ha la durata di tre anni. E' stato recentemente oggetto di una riforma che ne ha modernizzato struttura e contenuti e che ha potenziato la sua capacità formativa e professionalizzante.

I primi due anni di corso sono comuni ai quattro curricula.

Il primo anno introduce lo studente allo studio del diritto, offrendo e consolidando una formazione di base di diritto positivo, accompagnata da attività laboratoriali tese a sviluppare la capacità di scrivere e di esprimersi in termini giuridicamente corretti. L’inquadramento storico, la comparazione e l’apertura verso lo studio del diritto dell’Unione europea completano la prima tappa del percorso formativo.

Il secondo anno si caratterizza per un mutamento di approccio: le conoscenze di base si arricchiscono di studi specialistici, tutti svolti combinando l’insegnamento frontale con laboratori che sviluppano la capacità dello studente di meglio percepire, e dunque dominare, la dimensione applicativa del diritto studiato, anche in connessione con i problemi che esso deve risolvere.

Al terzo anno, lo studente è chiamato a scegliere il curriculum, tra i quattro che riflettono i profili professionali che il corso di laurea si propone di formare (Consulente del lavoro e delle relazioni industriali, Giurista d’impresa, Giurista di Amministrazioni pubbliche, Giurista del terzo settore).

Questo terzo anno è dedicato alle materie caratterizzanti il profilo professionale scelto ed è dunque diversificato in funzione delle esigenze formative di ciascun curriculum. Lo studio, in questa ultima parte del percorso, diviene studio avanzato, teso a consentire allo studente, prossimo laureato, di operare in concreto nel mondo del lavoro, sviluppando la capacità  di far fronte alla multiformità e mutevolezza dei problemi che in concreto si pongono, in una società sempre più in movimento e sempre più complessa. Ciò, anche attraverso un diretto contatto con l’attività pratica, mediante lo svolgimento di tirocini presso studi professionali, aziende o enti convenzionati, ovvero accedendo alle molte forme di didattica innovativa che la scuola di giurisprudenza propone. 

Ausilio didattico per studenti lavoratori e altre categorie di studenti

Il Corso di laurea promuove la partecipazione attiva degli studenti, anche prevedendo uno specifico ausilio didattico in favore di studenti che possono trovarsi in condizioni tali da non poter frequentare i corsi con costanza (studenti lavoratori, studenti fuori corso, studenti con figli minori, studenti con attestata disabilità, studenti con certificati problemi di salute che impediscano la regolare frequenza, studenti affetti da dislessia). Gli studenti appartenenti a dette categorie potranno avere accesso, su richiesta, alle registrazioni delle lezioni dei seguenti corsi:

a) per il primo anno, dei corsi di Diritto Privato e Storia delle codificazioni e delle costituzioni moderne (I semestre), di Diritto dell’Unione europea e Sistemi giuridici comparati (II semestre);

b) per il secondo anno, dei corsi di Diritto amministrativo (I semestre), di Diritto Commerciale e Diritto del lavoro (II semestre);

c) per il terzo anno, del corso di Diritto tributario.

La fruizione delle registrazioni non esclude ovviamente la partecipazione al corso in presenza, che anzi è sempre vivamente consigliata.

Formazione di II livello

Il laureato triennale può iscriversi al quarto anno del Corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza, con integrale riconoscimento dei crediti conseguiti. Lo studente iscritto al Corso di laurea di Servizi giuridici può comunque chiedere in qualsiasi momento il passaggio al Corso di laurea Magistrale: gli esami sostenuti vengono riconosciuti secondo i criteri fissati con apposita tabella di conversione.

Il laureato triennale può iscriversi ai numerosi corsi di perfezionamento e di aggiornamento professionale offerti dal Dipartimento di scienze giuridiche, che rappresentano una rilevante opportunità formativa per acquisire conoscenze specifiche e altamente professionalizzanti in una pluralità di ambiti.

I corsi di perfezionamento e di aggiornamento professionale possono essere frequentati anche dagli studenti che in tal modo possono acquisire competenze specialistiche in ambiti ulteriori rispetto a quelli del percorso curriculare.

 
ultimo aggiornamento: 18-Giu-2020
Condividi su Facebook Twitter LinkedIn
UniFI Scuola di Giurisprudenza Home Page

Inizio pagina